logo

IONOFORESI

La ionoforesi (dal greco iòno-phòresis = trasporto di ioni) è la tecnica maggiormente utilizzata per introdurre un farmaco nell’ organismo attraverso l’epidermide, sfruttando la corrente continua prodotta da un apparecchio di ionoforesi, dotato di un generato di corrente galvanica che attraversa e di due piastre in gomma una di polarità positiva e l’altra negativa. Il farmaco polarizzato, applicato ad una delle due piastre, in funzione della sua polarità, viene veicolato attraverso i tessuti fino al completo assorbimento del medicinale. La ionoforesi consente di diffondere, nella zona trattata, una quantità di medicinale nettamente maggiore di quanto se ne possa assorbire per via gastrica, riducendo quindi anche le controindicazione legata all’assunzione per via orale.

Effetti

  • ANALGESICO (inibizione dei ricettori del dolore)
  • ECCITOMOTORIO (stimolazione muscolare)
  • TROFICO (miglior apporto vascolare e di nutrizione)

Campi di applicazione

  • Patologie dei tessuti periarticolari e delle articolazioni non profonde (gomito, polso, mano, ginocchio, tibio-tarsica);

Controindicazioni

  • Portatori di pace-maker, pazienti con lesioni cutanei locali.