logo

BENDAGGIO FUNZIONALE

Per bendaggio funzionale si intende un presidio di fisioterapia che, utilizzando bende adesive estensibili ed inestensibili opportunamente combinate, si propone di preservare e sostenere strutture muscolo-tendinee e/o capsulo-legamentose da agenti patomeccanici o potenzialmente tali senza limitare la fisiologica articolarità su qualsiasi piano essa si sviluppi. E’ una tecnica di immobilizzazione parziale in cui l’articolazione interessata viene messa in scarico e protetta nel solo verso della direzione del movimento doloroso o patologico. Un bendaggio funzionale può essere eseguito sia per scopi preventivi (pregara, preallenamento) che per scopi terapeutici o riabilitativi, poiché consente di ridurre i tempi di guarigione rispetto alle metodiche di immobilizzazione tradizionali. Un bendaggio funzionale richiede l’uso di materiali combinati ed utilizzati in modo diversificato, bande adesive estensibili ed inestensibili, compresse di gomma schiuma, salvapelle e maglia tubulare distensibile di rifinitura. Le bende utilizzate si distinguono per le misure ed il grado di estensibilità, sia in lunghezza che in larghezza o in entrambe le direzioni, combinate secondo le indicazioni mediche.

Effetti

  • Funzione di sostegno, scarico, compressione, stabilizzazione, supporto antalgico.

Campi di applicazione

  • Trauma distorsivo o lussazione;
  • Lesione muscolare o microfrattura;
  • Edemi e gonfiori importanti.

Controindicazioni

  • Presenza di fratture recenti, rotture tendinee, lesioni ampie aperte, allergia agli adesivi delle bende.